Qualche settimana fa riflettevo su questo argomento. E oggi di nuovo, un commento di una ragazza su Facebook mi ha scatenato questa riflessione, tanto che ho deciso di scriverci un breve post.

Si lamentava del fatto che le donne fanno mille preparativi per rendersi belle agli occhi degli uomini, mentre loro – gli uomini – è già tanto se si lavano!

Poi  però faceva notare come lei, desiderosa di un uomo col petto depilato, alla fine aveva ottenuto ciò che voleva. Cioè era riuscita a convincere un ragazzo, con cui si stava già frequentando, a depilarsi il petto, proprio come piaceva a lei! E come aveva fatto a fare questo miracolo?

Glielo ha semplicemente chiesto!

E lui ha risposto magicamente OK!

Non era difficile, no?

Eppure una cosa così scontata che dovrebbe essere persino ovvia, in realtà mi stupsice sempre per quanto sia invece una rivelazione!

Eh già, perché non è affatto scontato che le donne facciano richieste così esplicite su cosa desiderano in amore, su cosa dà loro piacere. Non parliamo poi di ciò che riguarda il sesso, lì tabù totale.

E allora mi sono ricordata di un episodio simile capitato a me, quando, parlando casualmente con un mio ex fidanzato, venne fuori che a me piacevano i petti depilati e lui mi disse, quasi un po’ risentito: “Perché non me l’hai mai detto?”

Già.

Perché non glielo avevo mai detto? Risposi che era perché mi aveva raccontato che una volta si era fatto la ceretta ma poi gli era venuta una forte irritazione e quindi avevo dato per scontato che non volesse più farsela. Questo era parzialmente vero, ma non era la motivazione più importante.

La verità era che non ci avevo mai pensato! Semplicemente… cioè avevo dato per scontato che se lui non si depilava era perché non gli piaceva farlo oppure si preferiva così o non ne aveva voglia. Ma in effetti non glielo avevo mai chiesto esplicitamente. L’avevo preso così come era, come un dato di fatto, e me l’ero fatto andare bene, senza pormi troppe domande, lo avevo accettato e basta. È così, punto.

E mi stupii quando, parlando sempre di questo argomento, trovai questo denominatore comune: uomini che rispondevano (in riferimento alla domanda se erano contrari o favorevoli alla depilazione): “No, per me non sarebbe un problema farlo…  ma nessuna me l’ha mai chiesto!” Della serie: se a loro andava bene così, perché dovrei prendermi la briga io di farmi in 4 che a loro non interessa?!

Come dargli torto…

Eppure a molti di loro piace rendersi attraenti per le loro compagne; più di una volta mi sono capitati esempi, a me o anche ad amiche, in cui lei dice: “Mi piace l’orecchino” e taac il giorno dopo lui arriva col piercing; “Non mi piacciono i baffi, ti stanno male”, taac rasato. Un mio amico non si era mai lasciato crescere la barba da anni che lo conoscevo, la nuova fidanzata gli dice: “mi piace un po’ di barba”. Ora sono due anni che porta la barba, non il barbone trascurato, ma sempre curata alla stessa media lunghezza.

Ed è così che alla fine a me è venuta una semplice riflessione: perché non chiediamo ciò che vogliamo?

Alla fine la soluzione è semplice: non vi rendete anche voi conto che troppo spesso diamo per scontate certe cose, lui non lo fa quindi non ci poniamo il problema e accettiamo passivamente. “E’ fatto così…”

Mentre mi sembra che gli uomini fin troppo spesso non si facciano problemi ad avanzare critiche o a mostrare le loro preferenze: “a me le donne piacciono così o cosà”.

Perché invece noi donne ci facciamo tanti problemi a chiedere ciò che desideriamo?

Io dico che è a causa dell’educazione che ci portiamo dietro fin dalla più tenera età. Ma ora non sono qui a scrivere un articolo di sociologia o psicologia o pedagogia, non voglio parlare delle recondite motivazioni che ci spingono a comportarci così, ma voglio proporvi un’alternativa al vostro solito modo di pensare, ai vostri consueti atteggiamenti.

Perché noi donne non impariamo a pretendere? Diamo sempre per scontato che dobbbiamo essere noi a farci belle per loro, noi a piacergli… e quando arriva il nostro momento di godimento? Quando saranno loro a soddisfare i nostri gusti, il nostro piacere, il nostro senso estetico?

Secondo me è giunta l’ora di ribaltare un po’ il punto di vista: invece di pensare sempre: “Sarò alla sua altezza? Sarò abbastanza bella per lui?” Provate a chiedervi se lui è alla vostra altezza… Se lui è abbastanza per voi. E non mi riferisco tanto all’aspetto fisico, se lui sia più o meno bello, più o meno sexy di voi, ma quanto piuttosto alla sua persona. Quanto vale? Ne vale davvero la pena? Davvero vale così tanto del vostro tempo, delle vostre energie e dei vstri sforzi per correre dietro a lui? Secondo voi, ce l’ha solo lui? (sì, mi riferisco proprio all’organo genitale) Non credo proprio! E allora perché dovreste sprecare tempo dietro a uno che non vi considera? Avete cose più importanti da fare, ad esempio pensare a voi stesse! Avete persone più importanti di cui occuparvi: voi stesse!

Se lui non è disposto a fare niente per voi, perché voi dovreste perdere un sacco di tempo per lui? Ma non vi sentite un po’ prese per i fondelli?

E allora imparate a chiedere!

Chiedere, non ordinare!

Non significa che dovete andare in giro a comandare gli uomini a bacchetta: fai questo, fai quello. Però dovete imparare a esprimere ciò che volete, con calma ma con fermezza. Sai cosa significa essere assertiva? Le persone assertive non predominano sugli altri, non sono arroganti o prepotenti, ma sanno dire un no con decisione, senza farsi soppraffare dalla rabbia o dall’arroganza perché non temono di essere mal giudicati per un pensiero dissidente, ma sanno che la loro opinione conta, quindi sanno anche esprimere dissenso senza dover sopraffare gli altri.

Quindi impara ad esprimere le tue opinioni, a dire ciò che vuoi, non temere di chiedere ciò che desideri. Ripeto, con modi pacati ma decisi. Non devi dimostrarti prepotente, ma neppure troppo accondiscendente o timorosa. Tu chiedi, al massimo lui dirà di no.

E allora se lui non è disposto a fare neppure una piccola cosa per te, non è disposto a venirti incontro, davvero pensi che ne valga la pena?

Be’, secondo me sai già la risposta.

Hai qualche dubbio? Vuoi farmi una domanda in merito a questo argomento? Scrivi un commento qui sotto oppure mandami una mail a sharazad@ilveroamore.it

 

Come fare a capire se piacete a un uomo? E’ davvero interessato a voi o è solo una vostra impressione?
In questo video vi do 4 consigli più uno speciale per aiutarvi a capire le sue reali intenzioni:
–>https://youtu.be/Y-u7xy3XzOQ

 

 

Qualche giorno fa stavo parlando con una mia amica. Ha dei problemi con le coinquiline, in particolare con una sua coinquilina. Da come mi ha raccontato la mia amica, ho percepito che ora questa coinquilina le sta talmente di traverso, che ogni cosa che fa le dá fastidio, qualsiasi cosa la prende per il verso sbagliato, anche le cose che non sono realmente fastidiose e persino quelle che, come ascoltatrice esterna, ho percepito come buone intenzioni da parte della coinquilina. Ma la mia amica me le ha liquidate con un: “Mente!”. E io: “ma no, dai, magari sta facendo un passo verso di te, voleva essere gentile nei tuoi confronti.” “Io non ci credo”.

Ora io non voglio stare qui a discutere su chi abbia o meno ragione, non mi importa perché non è il senso di questo post. La mia riflessione è un’altra. La mia amica non è nuova a questi tipi di comportamento: qualche mese fa ha avuto la stessa reazione con un’altra persona: l’aveva presa per quel verso e, qualsiasi cosa facesse o dicesse, non le andava bene.

Ora vanno d’amore e d’accordo.

Però io ho notato per la seconda volta questo schema ripetuto: è come se tutte le volte che qualcosa le va male, che ha una giornata storta o un periodo no, avesse bisogno di avere qualcuno a cui dare la colpa. Un capro espiatorio appunto.

Ora mi chiederai: “Be, che c’entra tutto questo con me?” Te lo dico subito: anche tu quando si tratta di concludere qualcosa in campo sentimentale dai sempre la colpa agli altri, a qualcun altro, a qualcos’altro? Credi che tutte le tue sfortune amorose non dipendano da te, dai tuoi comportamenti, ma da un terribile sortilegio che si è abbattuto su di te? Pensi che se solo fossi più bella, più intelligente, più simpatica gli uomini sarebbero tutti ai tuoi piedi, invece purtroppo la sfortuna non ti ha fornito queste doti e quindi tu non ci puoi fare nulla?  

Niente di più sbagliato!

Ti do una bella, ma anche brutta, notizia: la tua sorte in amore invece dipende proprio da te!

Perché questa è una notizia bella e brutta?

È una bella notizia perché significa che tu non sei più in balìa degli eventi, ma ciò che accade da qui in poi è una tua scelta, il futuro è nelle tue mani.

Ma questo ha anche un risvolto negativo: ossia non potrai più permetterti di stare lì a lamentarti e a dare la colpa agli altri per ciò che ti succede, non potrai più incolpare il fato e altre divinità, non dovrai aspettare un miracolo dall’alto ma dovrai essere tu a fare qualcosa. Prendere in mano la propria vita significa darsi da fare, alzare il culo e cominciare a cambiare le cose, cominciare a cambiare i propri stili di vita, i propri modi di agire e di comportarsi, cambiare anche le proprie amicizie, e mettere addirittura in discussione la propria vita, le proprie convinzioni errate sull’amore.

Sì, dovrai cambiare il tuo modo di pensare, di porti, i tuoi atteggiamenti e i tuoi pregiudizi sugli uomini e l’amore che ti portano verso la direzione sbagliata ovvero verso uomini disfunzionali, anziché verso un rapporto appagante e soddisfacente con la persona giusta per te.

Non solo, ma questo tipo di atteggiamento ha anche ripercussioni su una coppia già formata. Se non impari a gestire le discusisoni e i problemi in modo maturo, ma cercando sempre qualcuno a cui dare colpa, anche quando avrai o se hai già un uomo al tuo fianco, non andrai molto lontano. Bisogna imparare ad affronatre i problemi della coppia in modo costruttivo, e non fare la scaricabarili.

Come fare tutto ciò?

Inizia da qui: inizia a leggere il mio mini eBook, disponibile GRATIS ma ancora solo fino a stasera! Affrettati!

 

Vai a questo link->

 

Dopo averlo letto, fammi sapere che ne pensi, scrivi un commento qui sotto o contattami via mail.

Un abbraccio,

Sharazad

Oggi vi voglio parlare di una persona: una mia amica, una donna che conosco, anche se non da molto tempo.

È una brava persona, non ne voglio parlare male, vorrei che vi fosse chiaro che lei ha un sacco di pregi: è altruista (molto più di me), è simpatica, socievole, si preoccupa per gli altri (molto di più di quanto faccio io)… Eppure ha un terribile difetto:

non ascolta.

Quando si fissa su una cosa, parte per la tangente e non c’è verso di convincerla del contrario. Ma non è questione di testardaggine, di persona difficile da convincere, è che proprio non ci sente. Quando qualcuno comincia a parlare,  non ascolta proprio, lo interrompe e continua imperterrita a ripetere la sua teoria, il suo concetto, la sua convinzione, come se parlasse da sola. Sì, in pratica questa persona non parla con gli altri, non colloquia, fa solo dei monologhi. Come se fosse sola su un palco e gli altri fossero solo spettatori.

Ok – voi mi direte – Sì, ho capito Sharazad, ma puoi arrivare al dunque? Che ci frega a noi di questa tua amica? Mi dispiace per te che non ti ascolta, ma io sono qui, su questo blog, per trovare un amore, mica un’amica.

E invece c’entra.

Perché oggi, mentre pensavo a lei, al suo comportamento, non ho potuto fare a meno di pormi questa domanda: quante persone non ascoltano quello che gli altri hanno da dire? E quante persone non sono consapevoli dei loro difetti (non difetti fisici o piccole imperfezioni di cui obiettivamente “chi se ne frega!”), ovvero dei loro cattivi modi di comportarsi verso gli altri, e tutte le volte si stupiscono che gli altri a loro volta assumono verso di loro certi atteggiamenti? Si lamentano che tutti sembrano essere cattivi con loro e solo loro le povere vittime. Non è che queste vittime sono a loro volta un po’ dei carnefici?

Attenzione ho messo della bella carne al fuoco, due argomenti scottanti che voglio sviscerare prima di creare malintesi.

 

*Ascoltare gli altri

Questo di per sé è un problema mica di poco conto. La mia amica dubito ne sia consapevole. Ma io vi chiedo: come potete pensare di avere una relazione soddisfacente se non siete in grado di ascoltare l’altro? Di mettervi nei suoi panni? La relazione è uno scambio a due: non potete andare per la vostra tangente, convinte che i vostri pensieri siano anche i suoi. Quando parlo di ascolto, non mi riferisco solo ai discorsi verbali, ma anche attenzione nei confronti dell’altro, cercare di capire cosa davvero vuole, quali sono i suoi reali sentimenti/intenzioni/motivazioni, anziché costruirci dei castelli per aria senza alcun fondamento. E anziché continuare a fantasticare di amori irraggiungibili, che esistono solo nella vostra testa.

Anche tu ti sei riconosciuta in questa descrizione? Nel mio mini ebook ti spiego come smettere di sprecare risorse dietro a questi amori fantastici e dove trovare invece gli amori veri, sinceri e duraturi.

 

*Avere dei difetti di cui non si è consapevoli

Il primo passo verso la crescita personale, verso lo sviluppo e la realizzazione di sé, è la consapevolezza di sé stessi. E ciò si ottiene cominciando a guardarsi dentro, in modo sincero, un’onesta osservazione di sé senza pregiudizi. Perché mi comporto così? Cosa volevo davvero? Che cosa mi ha spinto a dire ciò che ho detto? Bisognerebbe iniziare a farsi un esame di coscienza e iniziare a capire dove noi ci comportiamo male verso gli altri.

Attenzione: farsi un esame di coscienza, non vuole dire colpevolizzarsi, o pensare che se un uomo ti tratta male è colpa tua. Men che meno giustificare comportamenti violenti: se un uomo ti tratta di merda, è solo ed esclusivamente colpa sua, che a quanto pare è un uomo di merda, c’è poco da discutere. Qui non sto parlando di questi casi limite.

Qui sto parlando del tuo atteggiamento in generale, che tieni verso le persone che ti circondano, e sì a volte pure con gli uomini. Perché se è vero che è sbagliato colpevolizzarsi, è anche vero che è altrettanto sbagliato continuare a fare sempre gli stessi errori, perché se le cose ti vanno sempre male, significa che continui a comportarti sempre nello stesso modo, e ad assumere atteggiamenti controproducenti verso te stessa.

Il nocciolo della questione, che vorrei che comprendessi e che facessi tuo, è che se lui si comporta da stronzo con te, non è colpa tua che ti sei comportata male in questo istante, e non pensare che in futuro dovrai essere più premurosa, gentile, più crocerossina, per farlo contento. Ma la domanda che devi farti è: perché continui a sceglierti uomini così e ti ostini – come direbbe una mia amica cilena – a inciampare sempre negli stessi sassi?

È vero, gli uomini sono stronzi, stronzissimi, cattivissimi, ma come mai tu continui a cascarci e a cadere sempre vittima di questi uomini da quatro soldi e addirittura a sentirti terribilmente attratta da loro, se non persino innamorata?

Te lo spiego qui, in questa guida, dove ti elenco le principali cause dei tuoi sbagli e i motivi della tua sofferenza e ti spiego come evitare di soffrire per Amore e trovare l’uomo giusto!

Se finora hai sempre pensato che fosse un caso, che fossi perseguitata dalla sfortuna, be’, ho una buona notizia per te: non è così. Non è colpa della Dea Bendata, cioè che ti succede è solo una conseguenza delle tue azioni che sono dirette nella direzione sbagliata: ovvero verso la sconfitta anziché la felicità.

Leggi per bene questo report gratuito che ho preparato per te dove ti spiego ogni cosa, e poi lasciami pure qui sotto i tuoi commenti, così ne parliamo insieme.

Fammi sapere cosa ne pensi,

Sharazad.

 

Qualche giorno fa ho rivisto una puntata del telefilm degli anni ‘90 Quantum Leap, che mi ha dato lo spunto per questo articolo.

Riporto il dialogo tratto da una delle scene finali:

“Devi provarci. Devi buttarti nella mischia e provare a vincere la partita!”

“Per fare che?”

“La cosa più semplice… per piacerti. Perché se non ti vuoi bene tu, nessun altro lo farà!”

 

BOOM!

Come si poteva dirlo meglio?!

In poche parole riassunto tutto il concetto del nostro blog.

Imparare ad amarsi per prime per poi trovare di riflesso l’Amore.

Sembra una stupidata, una cosa semplicistica, ma non lo è affatto. Amarsi significa intraprendere un percorso su sé stesse, valorizzarsi, sapere che si è importanti a questo mondo esattamente così come si è. Amarsi significa che non c’è bisogno di un uomo per sentirsi complete.

Amarsi significa amare i propri pregi ma anche i propri difetti.

Significa fare ciò che ci piace davvero nella vita.

E tutto questo cosa c’entra con trovare una persona che ci ami davvero? Non basta essere belle e sexy per far infatuare un uomo?

Forse… Ma che tipo di uomo?

Se siamo solo belle e sexy ma non abbiamo rispetto di noi stesse, sai cosa succede? Sai che uomini riusciamo a “sedurre”?

Anche qui ci viene in aiuto il telefilm per la risposta, occhio alla stoccata finale del dottor Samuel Beckett:

“Altrimenti troverai uomini di poco valore, ma tu non sei così disperata.”

Ben detto, dott. Beckett!

E’ proprio questo il punto: vuoi trovare un uomo qualsiasi o sei in cerca del Vero Amore? Ovvero un compagno che ti sappia amare davvero, che ti sappia sostenere nelle asperità della vita, un compagno di viaggio, che voglio costruire con te un progetto e ti sappia ascoltare e sostenere nei momenti di bisogno…

Dimmi, a quale tipo di uomo stai facendo riferimento?

No perché se vuoi solo un belloccio, magari anche una brava persona, simpatico, tutto quello che vuoi… ma che non è la persona giusta per te, be’, allora sì devi solo essere sexy, quel poco basta.

Ma se vuoi il cuore di una persona, devi essere all’altezza di quel cuore.

Perché, dimmi, una persona di valore, un uomo serio, sicuro di sé, che ha degli obiettivi e dei progetti, starebbe mai con una donna disperata, che non ha uno scopo suo, non ha dei valori a cui restare fedele, dei limiti da non oltrepassare? Che se ne fa un uomo di valore di una così? Una disperata che rinuncerebbe a tutto pur di seguirlo, pur di averlo? Quale valore aggiunto potrebbe dare a un uomo così?

Invece per un uomo senza spina dorsale ovviamente sarebbe molto attraente: una geisha a sua disposizione, lì apposta per rafforzare la sua fragile autostima, qualcuna peggio di lui, che almeno in questo lo faccia sentire leggermente superiore…

Allora, dimmi, tu che uomo stai cercando?

 

Lasciami i tuoi commenti qua sotto e parliamone insieme: cosa pensi di questo articolo? Vorresti altri consigli per diventare più sicura di te stessa, per imparare ad amarti? Hai già scaricato il mio ebook gratuito che ti spiega come fare per evitare gli uomini sbagliati?

Puoi farlo qui:

Ebook GRATUITO: “Come evitare di soffrire per Amore e trovare l’uomo giusto”

Se hai qualsiasi dubbio o curiosità, scrivimi in privato a sharazad@ilveroamore.it.

A presto,

Sharazad!

Se vi è mai capitato di leggere articoli che riguardano la passione e la sua durata all’interno della coppia, vi sarete resi conto che le maggiori testimonianze e anche gli esperti dicono che essa non dura molto: secondo gli studi scientifici si esaurisce entro un anno o al massimo un paio d’anni! In pratica “La reazione chimica che si produce nel cervello durante l’ innamoramento si affievolisce con il trascorrere dei mesi, scomparendo del tutto entro un anno”. Secondo questa indagine poi la prospettiva sarebbe davvero desolante: una vita di coppia fatta di rassegnazione, senza più alcuna passione, ma caratterizzata da un rapporto modalità timbrare il cartellino. Insomma gli studi scientifici, a quanto pare, confermerebbero con certezza che la passione dura poco, che dopo un po’ la tempesta chimica di ossitocina o qualsivoglia elemento chimico dell’amore si affievolirebbe e buonanotte al secchio! Al massimo rimarrebbe un’intesa affettuosa, una simpatica accettazione o roba simile.

Ovviamente non sono d’accordo!

Non voglio certo mettere in dubbio gli scienziati, ma semplicemente quello che hanno studiato loro non era Vero Amore! L’innamoramento, in effetti, non dura tanto, hanno pienamente ragione! Ma l’amore vero no! Il Vero Amore, per sua definizione, non solo dura nel tempo, ma è anche passionale!

Il nocciolo della questione, la soluzione al busillis, è il seguente:

ESISTONO DIVERSI TIPI DI AMORE

MA SOLO UNO È VERO AMORE

Se avete già letto altri nostri articoli, saprete che io e Sharazad abbiamo un’idea piuttosto intransigente sull’Amore & passione, ossia siamo convinte che non possa esistere l’uno (l’Amore) senza l’altra (la passione), mentre può tranquillamente esserci sesso senza amore (come scrissi in questo post). L’Amore senza sesso invece non esiste semplicemente perché non è Amore! Vi ricordate quando all’inizio abbiamo fatto la distinzione tra amore con la a minuscola e Amore con la A maiuscola? Ecco, l’amore senza passione non è un Vero Amore, ma solo una tipologia minore di esso, come spiegato egregiamente dalla teoria triangolare di Sternberg. In pratica l’amore si comporrebbe di tre parti: INTIMITÀ – PASSIONE – IMPEGNO. A seconda della composizione di queste tre parti, ci si trova di fronte a diversi tipi d’amore: ad esempio, se nella coppia è presente solo la passione si tratta di infatuazione; se ci sono passione e intimità è amore romantico, ecc…

 

teoria triangolare dell'amore di sternberg

 

Le tre forme di amore senza passione sono: l’amore vuoto (solo impegno), il sodalizio d’amore (intimità+impegno) o la simpatia (intimità). Nell’ultimo caso, io non la considero nemmeno amore ma appunto sono due amici o due persone che stanno insieme perché non hanno niente di meglio da fare! L’amore vuoto invece è quello che più mi dà da pensare, perché fin troppe volte ho visto – tra amici e conoscenti – questi casi! Ovvero persone che stanno insieme solo perché devono farlo! Non solo è svanita la passione, ma persino l’intimità! Non condividono nulla, non hanno nulla in comune, ma stanno insieme solo perché “glielo ha ordinato il dottore”! Cioè perché non devono deludere la società, la famiglia, le apparenze… Stanno insieme per gli altri, anziché per sé stessi. Ma allora la domanda è: stai cercando il vero amore o una sistemazione? Vuoi contrarre il matrimonio per poter avere lo status sociale di sposata, per potertene vantare con le amiche? Ti svelo una notizia bomba: non siamo più nell’800! Ci si può realizzare anche in altri modi! Sai quante coppie stanno insieme perché sì, per i figli, o per l’affitto/spese/casa in condivisone o semplicemente per pigrizia? Ormai hanno fatto un patto, si sono prese un impegno e ci devono stare! Manco avessero firmato un contratto col diavolo! Nei casi più gravi hanno solo questo in comune: il progetto, la missione di stare insieme a tutti i costi (a vuoto), senza aver e aver MAI avuto nulla da spartire (ma magari erano troppo giovani e ingenui per saperlo); negli altri casi c’è almeno un minimo di intimità, di sensibilità comune, di affetto (sodalizio d’amore): vuol dire che almeno avevano qualcosa in comune all’inizio, ma non erano abbastanza maturi da coltivarlo e quindi piano piano è svanito, oppure già all’inizio non c’era abbastanza feeling sessuale, era una coppia affettuosa, con buoni propositi ma mancava di energia sessuale, di feeling erotico e anche qui, per un’incomprensione di valori, hanno frainteso questa loro reciproca benevolenza e affetto con l’amore, unito alle buone intenzioni di crearsi una famiglia, di avere un futuro stabile… insomma erano entrambi affetti dalla sindrome del bravo/a ragazzo/a.

Al giorno d’oggi – per fortuna! – forse si è meno propensi ad accettare situazioni di questo tipo; alcuni pensano che sia un male perché la gente vuole tutto e subito, vuole la pappa pronta e non è più disposta a lottare. Ma io non credo proprio sia così. Per me invece è un segno positivo: non è che prima le persone stavano insieme perché erano più brave a risolvere i conflitti all’interno della coppia, erano semplicemente più rassegnate!  Vuol dire che quando si sposavano, erano consapevoli che se lo dovevano tenere (!) in ogni caso. Non avevano molte alternative. Quindi non è che stavano insieme perché erano più felici, ma perché non potevano fare altrimenti! E bisogna rendersi conto che ciò non ha nulla di invidiabile! Altro che bei vecchi tempi andati… Ma lasciamoli andare! Al giorno d’oggi invece le persone, se non sono felici in un rapporto, hanno – giustamente! – il desiderio (e anche il diritto!) di ricominciare da capo, di avere un’altra opportunità. Ma bisogna essere pronti a coglierla, sennò si finirà per rifare gli stessi errori.

L’amore vuoto e l’amore-amicizia (o sodalizio d’amore) sono le due tipologie di amore senza passione! Come dicevo all’inizio, purtroppo anche la scienza dà man forte ad accreditare l’ideologia che purtroppo l’amore è così e non ci si può fare nulla, ovvero la passione dopo un po’ svanisce e ci si deve accontentare. Bisogna farsene una ragione! Ma io e Sharazad non siamo d’accordo. Soprattutto io, con una relazione di più di 30 anni alle spalle, e una passione coinvolgente e vitale come il primo giorno, non ci sto. Dico che non è vero. E la psicologia mi dà ragione. Mi dà ragione Sternberg quando dice che l‘AMORE PERFETTO si compone di intimità+passione+impegno. Semplicemente quando vediamo che la passione svanisce era perché non si era di fronte a questo tipo di amore! Era solo un’infatuazione che dopo un po’ è scemata, oppure coppie che fin dall’inizio non hanno mai avuto grande passione perché stavano insieme solo per fattori emotivi, o una coppia romantica, non unita da un forte progetto comune!

Tornando alla domanda iniziale: la passione finisce dopo qualche anno?

NO!

Se è Vero Amore, no!

Sennò non eravate di fronte a un amore vero ma a un’altra delle 6 casistiche enunciate da Sternberg! Sternberg dice: “L’Amore Vero (che lui chiama Vissuto) si verifica raramente”, io e Sharazad diciamo: “Ciò è vero, ma solo perché le persone non sono pronte! Non sono abbastanza mature, evolute, per un rapporto del genere”. Non è questione di sfiga, è questione di crescita personale, di capacità relazionali.  Ed è proprio ciò che scoprirete a mano a mano in questo sito: come lavorare su voi stessi per diventare persone degne di Vero Amore, perché l’Amore Vero non si trova sotto un albero, ma bisogna meritarselo!

La gente pensa che sia impossibile vivere l’Amore Perfetto perché alla maggior parte delle persone non succede di trovarlo. E allora io vi chiedo: la maggior parte delle persone è in grado di disputare gare agonistiche? La maggior parte di voi è capace a fare una rovesciata su una trave? No? Allora dovrei dedurre che è impossibile. Ma sappiamo che non è così. La maggior parte di noi non è in grado di fare le cose in cui non si impegna abbastanza, o che addirittura non ha mai fatto in vita sua o che nessuno gli ha mai insegnato come fare! È questo il concetto che vogliamo divulgare su questo blog: molte persone non trovano il vero amore perché non sanno come fare, non sono in grado, nessuno hai mai mostrato loro il COME! Perché ricordatevi che l’Amore, è vero che non è per tutti, ma non è una questione di fortuna o sfortuna, il fatto è che bisogna esserne all’altezza! Bisogna essere maturi ed evoluti per due motivi: per incontrare persone altrettanto mature, altrimenti incontrerete solo degli irresponsabili, superficiali o stupidotti; per saper gestire i problemi e le avversità nel modo giusto. Confermo che l’amore non sia idilliaco, non sia sempre tutto rose e fiori, ma non significa che non ci sia passione, non significa che ci si accontenti di un’amicizia o di un amore vuoto, non significa vivere una vita rassegnata. Significa saper affrontare le asperità della vita col giusto grado di maturità, consapevolezza, propositività e ottimismo.

 

Cosa ne pensi di quello che ho appena detto? Sei d’accordo? Hai qualche perplessità? Fammelo sapere nei commenti qui sotto! Oppure scrivimi in privato a: monica@ilveroamore.it

maialino rose cuoreÈ già da qualche giorno che ho letto questa notizia ma non sono riuscita finora a scrivere l’articolo dedicato che volevo perché sono impegnata nell’altro progettino di cui vi ho accennato due settimane fa: la guida gratuita per trovare il Vero Amore. Quindi abbiate pazienza con me: sto lavorando per voi! 🙂

Tornando alla notizia linkata sopra, in pratica la ragazza protagonista di questa orribile storia è Sophie, un’inglese che in vacanza a Barcellona conosce un certo Jessie, un olandese anche lui in vacanza. (E poi ci dicono che solo gli italiani sono maschilisti e arretrati, mentre i nordici sono così “a modo”, evoluti, “civili“- citando Checco Zalone in Quo Vado?) Fatto sta che i due finiscono e letto e mesi dopo lei va ad Amsterdam per incontrarlo e lui, come calorosa accoglienza, le manda un messaggio con scritto: “You were pigged!”. Sei stata maialata, alla lettera, che in italiano ovviamente non ha alcun senso. Il modo di dire nasce da uno spassosissimo gioco di ultima moda denominato “Pull a pig”: in pratica un gruppo di ragazzi si diverte ad abbordare una ragazza grassa e brutta, fingendo di corteggiarla, il tutto per deriderla e prenderla in giro. Ma che buontemponi! Questo sì che è divertimento sano e genuino! A parte la disgustosa meschinità e la pochezza di chi si diverte con scherzi del genere, (che non sono affatto innocui – ci terrei a ribadirlo –  ma possono, oltre che umiliare pesantemente la vittima, anche lasciare cicatrici indelebili, possono creare traumi pesanti e colpi devastanti all’autostima) sono esseri inutili che non hanno di meglio da fare nella vita e non si rendono cinto di quanto sia bella e di quante cose fantastiche e produttive si possano fare, dubito che creeranno mai qualcosa di utile nella loro esistenza. In pratica consumano un sacco di ossigeno prezioso.

Innanzitutto, complimenti alla ragazza che ha denunciato! Non è per nulla facile avere la forza per fare una cosa del genere, dire davanti a tutti di essere stata presa in giro e umiliata in quel modo. Ci vuole una certa forza d’animo e coraggio (quello che i vili che fanno questi odiosi “scherzetti” non hanno affatto!). A quanto pare, la ragazza in questione non era così vulnerabile come pensavano quei furbastri di Jessie & Company. Ora il povero Jessie si lamenta che questa storia gli sta rovinando la vita! Oh mio Dio, poverino! Pensa un po’, caro Jessie, a quante vite avresti potuto rovinare tu se invece Sophie non fosse stata così forte? E fosse magari caduta in depressione o cose simili… Be’, sai che ti dico? Se sei colpevole, ti sta bene! A quanto pare il Karma esiste. È il minimo che ti possa succedere, prima o poi dovevi imparare che ogni azione ha delle  conseguenze.

Ma la prima riflessione che mi è venuta in mente e voglio condividere con voi perché trovo estremamente costruttiva, è la seguente: come mai una ragazza è disposta ad andare così lontano per un ragazzo che non conosce nemmeno? 

Ha avuto solo una storia di una notte  poco più, poi non si sono visti per mesi, forse sentiti via SMS, ok, ma… Quanto sapeva realmente di lui? Quanto poco si conoscevano? Come fa ad esserle “partita la brocca” per un semi-sconosciuto?

In realtà io ormai vedo solo il ripetersi di film già visti, dinamiche che, nelle loro varianti, sono sempre uguali, ripetono uno schema già visto.

Ormai vedo schemi, schemi ovunque!

Però è vero, quando entri in un’ottica di pensiero, cose che prima non notavi o ti sembravano scontate, ora cominci a vederle sotto una luce diversa, le inquadri per ciò che realmente sono, riesci a intravedere le trame sottostanti, intuisci le vere motivazioni, emozioni e sentimenti che si celano dietro.

Ora vi svelerò il meccanismo sottostante, di cui spesso anche chi lo mette in pratica non è consapevole. Inconsciamente, a istinto, il carnefice fiuta subito la vittima ideale, anche se non sa bene dire il perché. Di primo acchito potremmo pensare che la motivazione che lo spinge a farlo sia solo una questione di bellezza: quelle belle se la tirano e non ti considerano, non ti danno ciocco, quelle brutte sono facilmente abbordabili e suggestionabili. La bella dice di no perché ha tanta scelta, sa che può avere di meglio e quindi sceglie il meglio; la brutta invece è più di bocca buona perché ne ha poca, quindi chiunque le sembrerà un ragazzo carino.

Sì e no.

Questo è parzialmente vero, ma è solo una spiegazione superficiale.

In realtà sono dinamiche che si annidano più in profondità, nell’autostima.

La differenza tra i due tipi di ragazza è invece la maggior vulnerabilità, l’ingenuità dovuta all’inesperienza che ti rendono maggiormente manipolabile.

Il primo pensiero che scatta è: “WOWWOW! Un ragazzo che ci prova con me, finalmente! Uno che mi trova carina!” Invece di pensare:  “ok, questo ragazzo è interessato, ma a me interessa? Mi piace davvero, io lo avrei mai cercata? È carino, ok, ma oltre a questo? Davvero voglio prendermi la briga di correre dietro a uno che sta in Olanda? Come diavolo posso mandare avanti una storia del genere?”

Vi sembra troppo razionale? Ma infatti lo è! Per quello nella mia guida “Come conquistare l’uomo giusto per te” ti spiegherò come usare la razionalità e la lucidità sia fondamentale per trovare l’Amore!

L’avventura di una notte ci poteva stare, ma il resto non ha senso.

Ora purtroppo non ci è dato di sapere se lui ha continuato a oliare il meccanismo, mandandole continui messaggi d’amore e spergiurandole il suo amore eterno, o lei ha fatto tutto da sola e si è fatta un film mai visto senza alcun presupposto. Conta poco al fine della mia analisi perché queste cose succedono continuamente: donne che creano imperi, storie d’amore epiche sul nulla, solo fantasticando su uomini che hanno visto una volta e – come in questo caso – con cui si sentono a distanza. Questa poi è la pecca del nostro secolo. Gli amori a distanza, da chat. Scrivono messaggi smielati, magari non si sono mai visti neanche una volta dal vivo, e niente loro partono con gli inviti per il matrimonio.

Ma tutto ciò a cosa è dovuto? Come mai si attivano certi modus operandi tipici delle donne?

Innanzitutto, una delle motivazioni principali è il troppo valore che la società dà alla bellezza. Come ho già spiegato dettagliatamente in questo articolo sulla bellezza, e anche in quest’altro sulla maternità, per le donne essere belle non è solo una questione di vanità, ma proprio di valore a loro riconosciuto. Se sei bella, vali! Sei importante, sei qualcuno.

Ma oltre alla società, c’è un sentire, un modo di pensare tipico delle donne, ovvero la convinzione di non essere nessuno se non si ha un uomo, sentirsi donna a metà, poco realizzata. Ora avere un compagno è un sentimento giusto e legittimo, ma non a qualsiasi costo. Non chiunque. Non quello che ci fa andare in fibrillazione ma che ci tratta di merda! O che esiste solo nella nostra testa. Per carità! Non deve essere un’ossessione.

E soprattutto, alla base c’è l’assunto che il nostro valore dipenda dal valore che ci dà un uomo. Se piaciamo a tanti uomini valiamo, se un uomo è interessato a noi, allora vuol dire che siamo interessanti.

NO!

Noi valiamo a prescindere!

Quello che ripeterò fino alla nausea in questo blog: non è la quantità che conta, ma la qualità. Non importa piacere a tanti, ma a chi ci piace; non a chiunque, ma a chi ci merita, chi è un uomo di valore. Scusa ma che cavolo me ne faccio di piacere a uno che so che è un coglione?! Ma morisse!

E poi c’è l’evoluzione di questo delizioso scherzo: ci sono quelli che arrivano a portarsi a letto una che per loro è brutta, per poi sussurrarle – nel mentre del rapporto sessuale – frasi umilianti, tipo: “Sei un cesso, sei una cicciona” o robe simili. Ma che razza di sfigato sei?! E tu, ragazza, dovresti offenderti per uno così?! Ma a uno così è da ridergli in faccia! “Io sarò anche brutta, ma tu pensa che razza di coglione sei che vai a letto con una che non ti piace; devi essere proprio un fallito oltre che uno sfigato cronico!”

Per favore, non sprecate tempo con certe nullità, avete una persona più importante a cui dovete portare rispetto, di cui dovete prendervi cura, di cui vi dovete preoccupare e che vi deve stare davvero a cuore ciò che fa e che pensa: … voi stesse!

 

 

Qualche giorno fa su un gruppo Facebook che frequento è uscita un’annosa questione. Stava girando un video scherzoso su come una donna deve approcciare un uomo, e la comica protagonista del video diceva che la donna non deve fare il primo passo perché, si sa, l’uomo è cacciatore… Apriti cielo: un sacco di commenti indignati su quanto il video fosse da medioevo e riproponesse stereotipi antiquati… Ma avevano ragione? Davvero queste regole sono antiquate e alle soglie del 2017 noi donne possiamo fare il primo passo oppure siamo rimasti all’epoca Flinstoniana in cui gli uomini vanno in giro con la clava in cerca di una preda? Chi aveva ragione: il video o il gruppo?

Entrambi e nessuno dei due! 😉

Diciamoci la verità: essere definita una preda sinceramente non mi piace proprio! >:( Non lo trovo per nulla edificante per una donna essere considerata alla stregua della cacciagione. Non solo, ma se questo concetto funzionasse solo perché agli uomini piace rincorrere, ovvero secondo il principio che desideri ciò che non hai e rincorri ciò che ti sfugge, be’ allora dovremmo fuggire per sempre! Perché sennò una volta che hanno raggiunto il loro obiettivo, dopo un po’ si stuferebbero e andrebbero a cercare qualcos’altro (cosa che per altro spesso succede! 😉 )

E allora? Sharazad mi stai dicendo che chi se ne frega, siamo nel 2017, quindi una donna ormai può fare il primo passo senza problemi e lanciarsi alla conquista di un uomo sfacciatamente?

Ehm… in realtà NO!

Ma… come, come? Hai appena detto…

Ho detto che non credo nella dinamica cacciatore-preda ma non significa che consiglio a una donna di fare il primo passo per conquistare un uomo.

In realtà per motivazioni sociologiche e psicologiche ben più complesse di una sciocca spiegazione pseudo-biologica (ma davvero?!) che rivanga convinzioni dell’era neolitica.

Allora partiamo dal presupposto che la mia ideologia di base è che la maggior parte delle differenze di comportamento tra uomo e donna sono di origine culturale e non biologica (la biologia e gli ormoni influiscono in minima parte sul nostro comportamento). Questa non è una teoria che mi sono inventata campandola per aria, ma è un assunto evidente (oserei dire lampante) se si hanno un minimo di conoscenze in sociologia e antropologia culturale. Soprattutto quest’ultima ha dimostrato come popolazioni con culture molto diverse da quella occidentale hanno modelli di comportamento maschili e femminili abissalmente diversi dai nostri, a volte addirittura opposti (ovvero caratteristiche comportamentali che per noi sono considerate maschili per alcune popolazioni sono femminili). Ma senza andare tanto distante, basta pensare al calcio. Uno sport che in Italia è seguito maggiormente da un pubblico maschile: dovremmo pensare che è insita nel loro DNA la passione per questo sport? E le donne sono naturalmente portate a capirci poco o niente? Smontare questo ragionamento così sciocco e semplicistico, è facilissimo: basta pensare alla nostra mitica e osannata America! Negli States il calcio non se lo caga nessuno e anzi – udite, udite! – è seguito e praticato maggiormente da un target femminile! In realtà le diverse tendenze di comportamento che effettivamente riscontriamo tra uomini e donne, sono solo frutto dell’imitazione. Intorno ai 3 anni, quando i bambini cominciano ad essere consapevoli del proprio sesso, scatta questa fase in cui, tradotto in parole povere, la bambina imita la mamma e il bambino il papà, e da grandi, quando saranno più influenti i coetanei dei genitori, i maschi imiteranno i maschi e le femmine faranno ciò che fanno le altre femmine, continuando a riprodurre modelli di comportamento tipici del loro sesso. Insomma uomini e donne imparano a diventare tali, non ci nascono.

Che c’entra tutta questa pappardella con il primo passo per sedurre un uomo?

Ci arrivo, ci arrivo…

Tutto ciò ha diverse implicazioni nelle dinamiche di seduzione.

  • ciò che ci si aspetta dall’altro sesso
  • convinzioni e credenze (spesso false) sull’altro sesso
  • capacità di seduzione mai apprese

Vediamo questi aspetti nello specifico.

Innanzitutto la reazione dell’uomo che vuoi conquistare è molto soggettiva, dipende da che tipo di uomo è, dalle sue convinzioni profonde sulla seduzione, sulle relazioni e sulle donne. Potresti trovarti davanti all’uomo fermamente convinto che il primo passo spetta a lui. In questo caso vedrebbe il tuo tentativo di approccio come invadente, come una che non rispetta i canoni, una che fa cose strane, una che ha una confusione in testa sui ruoli, una che non si lascia desiderare, e a un tipo di uomo così questo tipo di donne non piacciono. Sì con questa categoria di uomini potrebbe persino valere la spiegazione di uomo cacciatore e donna preda, perché a questi personaggi effettivamente piace inseguire e corteggiare. Ma questa è solo una tipologia d’uomo! Non è che tutti gli uomini siano così! In effetti questo stile è per gli uomini tradizionalisti (per non dire maschilisti, in certi casi), e se anche tu sei una tradizionalista, un uomo così potrebbe anche piacerti. Solo che be’, se lo fossi, probabilmente non saresti qui a leggere questo articolo perché a chi ha avuto una forte educazione tradizionale, voglio dire, l’idea di fare il primo passo manco le viene in mente! Perché lei sa bene che questa è una cosa da uomini, quindi se lui non approccia per primo non è un vero uomo. Ora questa convinzione vale da entrambe le parti: così come alcune donne non apprezzano la mancanza di iniziativa perché la reputano poco “maschile”, alcuni uomini non apprezzano per lo stesso motivo – lo dico in un modo un po’ crudo – le donne che non stanno al loro posto! Certo, detto così, per come sono fatta io, mi verrebbe proprio voglia di provarci per prima: così escludo a priori questo tipo di personaggi maschilisti che di certo non fanno per me. Anche perché se uno invece accetta le avance di una donna, allora vuol dire che è di mentalità più aperta e più compatibile con me.

Questo è il motivo che mi ha sempre portata a fregarmene delle convenzioni e a provarci per prima. Dopo tutto se io voglio una cosa me la prendo, no?

Be’, in realtà non è così semplice, ci sono altre dinamiche che comunque rendono questa mossa azzardata in ogni caso.

Anche se ci troviamo davanti a un uomo che non ha una concezione così rigida dei ruoli, è comunque probabile che faccia il seguente ragionamento: “Se fossi una donna davvero affascinante non ci proveresti, se lo fai è perché sei disperata!” Anche chi non è così rigidamente ancorato ai ruoli e non è nei fatti tradizionalista, comunque, anche se inconsciamente, tenderà a fare questo ragionamento. Anche qui l’esperienza, o il luogo comune, ci insegna che le donne più belle, o comunque più desiderate, hanno una stregua di corteggiatori che ci provano subito appena si siedono o si trovano in qualche locale (anche se poi in effetti, non è sempre così, specialmente al giorno d’oggi, però diciamo che questa è la realtà percepita). È però un dato di fatto che, sempre per il solito discorso che convenzionalmente spetta all’uomo il primo passo, sarà comunque probabile che una donna molto attraente riceva sempre un sacco di proposte. In realtà non è detto perché anche se sei bellissima ma stai sempre in casa, non ci prova nessuno lo stesso, non è che gli uomini ti si calino dal tetto! Oppure non è detto che quelli che ci provano ti piacciano, magari sei di gusti difficili e ti interessano pochi uomini, perciò quando ne vedi uno che – miracolosamente! – ti piace, di certo non vuoi fartelo scappare. Ma poco conta quali siano le tue reali motivazioni, conta ciò che l’altro percepisce di te! Perciò, se tu fai il primo passo, scatta l’equazione: se ci sta provando con me, significa che non se la fila nessuno! In pratica è una sfigata, altrimenti starebbe comodamente seduta ad aspettare le mie avance. Un uomo non capisce perché dobbiate sbattervi a provarci voi, quando potete tranquillamente stare sedute e aspettare che gli uomini si fiondino su di voi come api sul miele.

Anche se di primo acchito gli sembrate carine, vi guarderà con sospetto… “Uhm… che trucco c’è sotto?” Se non può può pensare che siete brutte perché vi trova esteticamente attraenti, allora penserà che siete pazze; in ogni caso, crederà che per qualche motivo, nessuno vi vuole! E la cosa in assoluto peggiore per sedurre un uomo è quello di apparire disperate! Alla disperata ricerca di un uomo per sistemarvi! AAARGGHHHH! Per un uomo, non c’è nulla di meno affascinante di una donna disperata e bisognosa d’amore! Vi rende così poco attraenti!

Ma c’è infine un ultimo punto che può scoraggiare anche gli uomini più aperti mentalmente e anti-convenzionali, anche quelli che non hanno alcun pregiudizio di sorta e che pensano che una donna che ci prova, che fa il primo passo, è semplicemente una donna attratta da loro, né più, né meno. E questo è un motivo di ordine pratico. Sempre collegato a quel discorso iniziale: vi ricordate quando vi ho detto che apprendiamo i comportamenti e gli atteggiamenti tipici del nostro sesso per imitazione? Ecco. Come potremmo mai essere delle brave seduttrici se non abbiamo modelli da imitare? Le donne che hanno successo nella seduzione non sono quelle brave a rimorchiare, a fare il primo passo (al contrario degli uomini, che invece quelli che hanno successo è perché ci sanno fare!), ma quelle che hanno file di corteggiatori sono semplicemente le più belle, che stanno lì e aspettano. Non fanno il primo passo, anzi, non fanno proprio nulla! Non sono delle vere e proprie seduttrici, sono solo belle statuine.

E allora come puoi essere capace ad approcciare un uomo correttamente se nessuno te lo ha mai insegnato, se non hai modelli di riferimento a cui ispirarti? Ne consegue che se non sei capace a fare il primo passo, non lo farai nel modo giusto, commetterai degli errori, esattamente come gli uomini imbranati che ci provano maldestramente. Non è forse vero che quando uno che non ci sa fare attacca bottone, lo trovate estremamente fastidioso o patetico, seppur vi rendete conto che esteticamente non è poi così male? Ecco, agli occhi di un uomo risulterete ugualmente ridicole! Non è un caso che se si chiede agli uomini se a loro piaccia essere abbordati, una risposta comune che salta fuori abbastanza frequentemente è che le donne che lo fanno risultano goffe! Le donne fanno il primo passo, approcciano, in modo maldestro!

 

Bene, capito perché sconsiglio di fare il primo passo? Cosa ne pensi, sei d’accordo? Vorresti però sapere come fare per mostrare il tuo interesse, far capire a un uomo che gli piaci senza risultare ridicola o disperata?

Se sì, fammelo sapere nei commenti qui sotto, o scrivimi a sharazad@ilveroamore.it. Ora è disponibile la mia guida su come attrarre un uomo senza risultare bisognosa. Seguimi qui o sulla pagina Facebook!

 

La settimana scorsa vi avevo promesso questo articolo, ed eccomi qua!

Dunque è da stamattina che rovisto dentro gli armadi e negli scatoloni alla ricerca di un libro:

Potete ammirare una foto di me in questo momento

Ho rovistato fra tutti i libri di psicologia dell’università e perfino del liceo e finalmente l’ho trovato! Il libro di psicologia delle superiori dove era raccontato l’esperimento di cui sto per parlarvi (in realtà è per questo che avete dovuto aspettare questo articolo, perché non sapevo dove reperire l’esperimento 😉 ), tratto dal manuale di J.W.Kinch, Psicologia Sociale [1978, F.Angeli].

La più bella dell’Università

Cinque studenti, dopo un seminario di psicologia sociale, decisero di cominciare a trattare una compagna di corso insignificante e bruttina come se fosse la più bella dell’università. Ciascuno di loro l’avrebbe corteggiata per un periodo, uscendo con lei alla sera e recitando la parte dell’ammiratore. Dopo qualche tempo la ragazza cominciò a curare sempre di più il suo aspetto e il suo modo di presentarsi. Il quarto ragazzo trovò effettivamente piacevole corteggiarla e, quando fu il suo turno, il quinto si sentì rifiutare: era troppo impegnata con ragazzi più interessanti! 😀 La faccenda messa in moto aveva trasformato davvero una studentessa insignificante in una ragazza attraente e convinta di esserlo.

[A.Bianchi, P.Di Giovanni, Psicologia in azione, 1996, Paravia, Torino]

 

Ora questo episodio è usato per dimostrare come si forma il concetto di sé, ovvero la consapevolezza di noi stessi, la rappresentazione che abbiamo di noi stessi, ciò che siamo convinti di essere. Noi acquisiamo questa consapevolezza in relazione agli altri. Se noi non avessimo mai conosciuto persone più atletiche, socievole, belle di noi, potremmo tranquillamente pensare di essere socievolissimi, simpaticissmi, atleticissimi e bellissimi. Poi incontriamo Brigitte Bardot e Usain Bolt e ci rendiamo conto che siamo scarsissimi nella corsa e non siamo poi così belle! 😀 Ovviamente sto semplificando e uso un linguaggio scherzoso per parlare terra terra, ma diciamo che tradotto in soldoni è questo ciò che avviene nella mente. Non solo dal confronto con gli altri, ma il sé si forma anche in base alle reazioni che gli altri hanno nei nostri confronti! Se io faccio una battuta e tutti ridono, mi convincerò di essere una spiritosona e la prossima volta non solo continuerò a fare battute e calcare la mano per confermare questa mia fama di burlona, ma sarò anche più sicura nel farlo e, convinta di far ridere, farò davvero ridere! Perché essere sicuri di noi stessi e convinti di determinate cose, ci porta ad agire di conseguenza, quindi a mostrare una postura del corpo, tono della voce, espressioni facciali che denotano sicurezza e che quindi convincono il mio interlocutore di ciò che sto dicendo o facendo. Nel caso del comico, oltre a raccontare la barzelletta, magari farò facce buffe, gesticolerò con enfasi, tutti fattori che aumenteranno l’ilarità a prescindere dalla comicità reale di ciò che sto dicendo. La stessa barzelletta raccontata con tono monocorde e atteggiamento impacciato non fa poi così ridere! (A meno che le battute non siano estremamente esilaranti come quelle che faccio io! 😀 😀 )

Un’altra peculiarità delle convinzioni che si hanno su di sé è che pensiamo siano immodificabili e stabili nel tempo. Ovvero se siamo così non ci possiamo fare nulla, saremo per sempre così, siamo nati così e moriremo così: “chi nasce tondo non può morire quadrato”, dice un proverbio. Questa è un’altra convinzione sbagliata! Il concetto di noi stessi può essere modificato! E l’esperimento che vi ho narrato ce lo dimostra. La ragazza, avendo dei feedback positivi dagli altri ragazzi, ha iniziato ad autoconvincersi di essere attraente. Una volta diventata consapevole di ciò, ha iniziato a comportarsi come se fosse bella, modificando sia il suo atteggiamento che il modo di rapportarsi agli altri. Ecco, questo è un CONCETTO IMPORTANTE: il mondo attorno a te non cambia per magia ma perché avvii un circolo vizioso, cioè metti in atto una serie di comportamenti che a loro volta causano altri comportamenti che rafforzano il tuo cambiamento iniziale. Ad esempio sei convinta di essere antipatica e tutte le volte che vai al bar a far colazione non parli con nessuno e noti che effettivamente al bar e negli altri locali nessuno ti considera. Vediamo come puoi cambiare questa brutta abitudine generando una spirale positiva: vai al bar a fare colazione come tutte le mattine, ma stavolta sorridi, allora il barista ti sorride di rimando e magari ti butta lì un “salve”, ti rendi conto di non essere poi così antipatica a tutti, così la volta successiva non solo gli sorridi ma gli parli pure, magari giusto due battute e vedi che lui risponde iniziando a chiacchierare con te, cominci a pensare che in fondo anche tu sei simpatica; la prossima volta che vai al bar non sorridi solo al barista ma cominci a guardarti in giro, ora non hai più l’aria cupa di prima e qualcuno attacca bottone con te, ti convinci ancora di più di essere simpatica alle persone, emani questa convinzione, la gente la percepisce e reagisce di conseguenza, inizi a socializzare con tante persone, confermando ancora di più la tua convinzione di essere una persona simpatica e socievole che aumenta la tua sicurezza che attira le persone… in una spirale a catena sempre più crescente.

Ma ATTENZIONE: questo meccanismo funziona anche in negativo! Se hai delle convinzioni negative, che minano la tua autostima, queste influenzeranno negativamente sia i tuoi comportamenti che i tuoi pensieri, che a loro volta influiscono nell’interazione con le altre persone. Ricordati che le persone inconsciamente percepiscono questi stati d’animo: insicurezze, pensieri negativi… È come se emanassi un’energia negativa che la gente percepisce e se ne allontana. Perché nessuno vuole stare vicino a persone negative, giusto? Tutti noi siamo attratti da chi ci fa stare meglio! Esattamente come nell’esempio di prima, se tu pensi: “Sono sfigata, nessuno mi parla”, a tua volta non darai mai ciocco a nessuno o ancora peggio lo guarderai con un’espressione torva che farà fuggire qualsiasi persona ben intenzionata a rivolgerti due parole!

Perciò un primo passo per andare nella direzione del Vero Amore è ELIMINA LE TUE CONVINZIONI LIMITANTI! Ovvero quelle negative: sono brutta, non sono all’altezza… Togliti immediatamente queste sciocchezze dalla testa! E comincia a comportarti di conseguenza!

 

Ti ha interessato questo esperimento e il valore delle convinzioni limitanti? Vuoi che approfondisca questo argomento? Vuoi conoscere altri segreti su come migliorare la tua vita e strategie per alimentare convinzioni positive? Commenta qua sotto o scrivimi in privato a sharazad@ilveroamore.it

 

 

Nello scorso articolo, vi avevo anticipato di raccontarvi come una brutta ragazza è diventata bella. Ok, ma prima di quel post voglio offrirvi questo intermezzo, sempre collegato a quanto le convinzioni negative sulla realtà che ci circonda possano far danni. Anzi, possiamo dire che in realtà parte TUTTO da quello!

Oggi vi parlerò di frasi apparentemente romantiche che invece nascondono dei messaggi terribili!

Un esempio su tutti, un classico dei classici:

TU SEI MIA

Ora questa frase terribilmente romantica è la regina dei pericoli perché è tremendamente ambigua! Esiste un tu sei mia sano che simboleggia un reciproco senso di appartenenza; tu sei mia e io sono tuo appaga il bisogno, il desiderio tipico degli esseri umani di sentirsi importanti, di essere speciali per qualcuno. Non solo, appartenersi l’un l’altra soddisfa anche il bisogno di esclusività: nessuno può entrare nella coppia, il mondo esterno ne è escluso e questo ci fa sentire speciali. E soprattutto sappiamo che c’è qualcuno su cui possiamo contare, qualcuno che ci metterà sempre al primo posto, io per lui vengo prima di tutti gli altri/le altre, sarò la prima scelta.

Questo in teoria è tutto bello, ma dovete stare attente che non si valichi il confine, perché è un attimo trascendere dal senso di reciproca appartenenza al possesso maniacale! Al bisogno di tenere sotto controllo il partner.

Sapete in cosa si traduce? Quando il tu sei mia diventa: tu questo non lo puoi fare! Oppure non puoi farlo senza di me: non puoi uscire coi tuoi amici se non ci sono io, non puoi andare al bar/cinema/biblioteca da sola, ecc… Il tu sei mia diventa proprio: tu sei un mio oggetto, qualcosa di cui dispongo e comando a piacimento, la mia bambolina, sempre a mia disposizione.

La seconda perla di ambiguità è:

LA GELOSIA

Come sopra, la gelosia ci fa sentire importanti, perché vuol dire che qualcuno si interessa a noi. Dopotutto non siamo gelosi di qualcosa o qualcuno di cui non ci frega nulla, ma siamo gelosi di qualcosa che abbiamo paura di perdere, perché pensiamo che da esso dipende la nostra felicità.

Quest’ultima convinzione, ovvero che la nostra felicità dipenda esclusivamente dal nostro oggetto d’amore, è pericolosissima, perché scatena il bisogno di controllo, di possesso: non possiamo perdere qualcosa di così importante, dobbiamo fare di tutto per tenercelo stretto, qualsiasi cosa!

E ciò porta alla gelosia estrema: il ragazzo che ti viene a cercare sotto casa a qualsiasi ora del giorno e della notte, insistentemente; che ti tempesta di telefonate per controllarti ogni singolo minuto del giorno, per sapere dove sei, con chi vai, e non perché semplicemnte vuole sentire la tua voce e gli manchi.

“Tesoro dove sei?”

“Sono con amiche.”

“Ah ok, divertiti!”

Esempio di relazione sana

 

“Tesoro dove sei?”

“Sono con amiche.”

“Sì, ma dove di preciso? Chi sono le tue amiche? Quando torni? Ci sono anche dei ragazzi? Hai già fatto la scema con qualcuno?”

Relazione disfunzionale

 

Il problema è che le ragazzine sono pure entusiaste di un dialogo del secondo tipo, con telefonate esasperanti ed estenuanti. (Che tra l’altro trasudano anche il fatto che il tizio in questione non si fidi di voi, già io mi offenderei solo di quello!) Invece dovete riconoscere i limiti di queste frasi, i limiti della gelosia e dell’appartenenza, i confini da non valicare: un po’ di reciproca appartenenza e di gelosia sono sane, ma il troppo stroppia. Il troppo diventa una relazione opprimente! Invece per ingenuità (nei casi delle giovanissime) o semplicemente per cattiva educazione, si fa un’enorme confusione, si butta tutto nello stesso calderone.

Riassumerò bene il concetto in una frase di un mio amico: “Non devo essere io a dirle di tornare, a darle degli orari, deve essere lei che non vede l’ora di tornare da me perché vuole vedermi!”

La possessività non è AMORE! Né con la A maiuscola, né minuscola! Non sto parlando di Vero Amore (che ovviamente è distante anni luce da questo tipo di relazioni soffocanti e oppressive), ma neppure di cottarella adolescenziale, neppure di infatuazione e innamoramento, tutte queste forme presuppongono un minimo di amore. No, questa è VIOLENZA bella e buona! È desiderio di possesso allo stato puro, che la nostra società con i suoi ideali deformi e malati ha trasformato in manifestazioni d’amore!

Per favore, vi prego, uscite da questa gabbia!

Questa è proprio come una trappola per topi: fingono di darvi del delizioso formaggio e poi – zac! – ecco che ti ritrovi intrappolata in uno schifo di relazione velenosa e distruttiva!

AMORE è LIBERTA’

È lasciar liberi di scegliere, anche di andarsene. Scusate, ma voi vorreste stare con uno che sta con voi perché ci è costretto? Perché qualcuno lo ha obbligato? Ma che senso ha? No perché le basi per un amore sano, per il Vero Amore partono anche da qui. Cioè il consiglio è a doppio senso: non solo non dovete farvi infinocchiare da chi vi promette amore e vi regala possesso, rimanere chiuse in una storia claustrofobica, soffocante, ma voi stesse NON dovete essere possessive e castranti! Se siete assillanti e maniache del controllo non va bene, perché vi dimostrate bisognose e insicure.

Vuoi un’altra? Vuoi lei?

Vai con lei!

Perché stai con me? Chi ti obbliga? Per farmi un favore, ti faccio pietà?

Ma che soddisfazione ci sarebbe se un uomo non mi tradisse solo perché ho beccato che voleva farlo? Oppure l’ho seguito, l’ho controllato e ho impedito il tradimento. Ah quindi se non lo beccavo, lo avrebbe fatto? Sai che gioia! E questa sarebbe una vittoria? Quindi basta che una volta mi distraggo e non lo assillo, e quello zompa subito nel letto di un’altra? Ah be’, complimenti! Proprio un uomo da tenersi stretto!

Ma un uomo così è meglio perderlo che trovarlo! Fidatevi ragazze! A nemico che fugge, ponti d’oro!

 

Anche tu hai delle falsi convinzioni sull’amore? Ti rendi conto che queste potrebbero essere potenzialmente pericolose? Scrivimi qui sotto cosa ne pensi o se vuoi che chiarisca alcuni tuoi dubbi.